Perché viva la fuga

“Io stessa sbaglio a digitare l’indirizzo del mio blog quasi tutte le volte che mi collego” (F. Sina)

Da Wikipedia

Manoscritto dell’ultima pagina dell’ultima fuga dell’Arte della Fuga di JS Bach

Vi sarete sicuramente chiesto il perché di questo blog, io mi chiedo sempre il perché di ogni cosa, ma quasi mai trovo la risposta.
Invece, siccome sono molto buona, voglio fugare (eheh gioco di parole) i vostri dubbi.

La musica classica mi piace, mi è sempre piaciuta, non ricordo in quale momento abbia avuto inizio questo amore né come, ma è sempre stata dentro di me, una passione che è cresciuta, che ho coltivata in maniera naturale e che mi ha tenuto compagnia in tutti i momenti bui della mia vita (che sono stati tantissimi sigh).

Purtroppo, soprattutto in Italia, si è diffusa la convinzione che la musica classica sia noiosa, sia destinata a vecchi decrepiti e sia difficile da capire, invece io voglio urlare a gran voce “Viva la fuga” perché la musica classica è divertente, è per tutti e non serve essere colti nemmeno un po’ per apprezzarla.

Non serve capire basta ascoltare.

Il Pianista

Ecco un sensibile nazista rapito dal pianista ebreo nel film di Polanski

E poi basta con il pregiudizio che gli unici amanti della musica classica siano i criminali nazisti che piangono come bebé ascoltando Wagner al grammofono, i serial killer che traggono ispirazione dal repertorio classico per meglio seviziare le loro vittime o i nerd brufolosi che non avendo una ragazza ascoltano musica barocca mentre programmano al pc chiusi in casa come talpe!
La musica classica è stata scritta per tutti e tutti ne possono godere senza restrizioni, non lasciatevi ingannare dal processo di diseducazione che è in corso da anni, ascoltatevi una bella fuga, suonata come si deve, e vedrete che riuscirete a godervela senza diventare né efferati assassini né acneici sfigati.

Provate con questa e poi ditemi se vi è cresciuto anche un solo brufolo o se vi è venuta voglia di tirare la coda al gatto di casa:

JS Bach Fuga in Mi bemolle maggiore BWV 552

A proposito, la fuga è una forma musicale polifonica, se non sapete bene cos’è e fino ad ora avete abbozzato potete approfondire l’argomento su Wikipedia alla voce Fuga (musica) [http://it.wikipedia.org/wiki/Fuga_%28musica%29].

Quindi per farvela breve, in questo blog mescolerò la musica classica e la mia vita, che scorrono insieme da sempre, scrivendo post semiseri e raccontando le mie personali esperienze di ascolto, tutte cose che immagino non interessino assolutamente a nessuno.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>